Category: In evidenza (Page 1 of 2)

Maria Trentadue

Modugno, 20 settembre 1893 – Modugno, 27 aprile 1987


Modugno, 27 aprile 1987: trentacinque anni fa ci lasciava Maria Trentadue, definita come la “grande” pittrice “naif” di Modugno, che amava dipingere su qualsiasi cosa, pur di dare spazio alla sua irrefrenabile e fantastica creatività.

Iniziò all’età di 65 anni rappresentando un mondo fatto di colori. Le sue immagini esprimono originalità espressive, personaggi sorridenti; tutto riconduce ad un contesto fiabesco, dove le proporzioni si annullano per dare spazio ad un nuovo modo di interpretare il suo mondo.

Lo scrittore Tommaso Di Ciaula, si accorse del talento di Maria Trentadue per caso.  Mentre passeggiava nei dintorni di casa sua notò alcuni suoi quadri asciugare al sole. Nacque un sodalizio molto forte: lo testimonia un passaggio del libro “Tuta blu”, dove lo scrittore, oltre a descrivere la sua visita, ripercorre i tratti della personalità di Maria, caratterizzata da un forte attaccamento alla fede cristiana ed alla famiglia; sempre attenta ai più bisognosi.

Il 5 marzo del 1985, presso “L’Arcaccio“, fu presentata una grande retrospettiva delle sue opere, per celebrare l’ormai acquisita popolarità nell’ambito della nostra cultura cittadina.  Recentemente, in occasione delle iniziative per celebrare il “Millennio” della nostra Città, dal 13 al 27 marzo di quest’anno, grazie ad una iniziativa promossa dalla FIDAPA BPW Italy, Sezione di Modugno [patrocinata dal nostro Comune], presso la sala Multimediale Palazzo Santa Croce è stata allestita una mostra dal titolo “Maria Trentadue, una donna millenaria” curata dalla dott.ssa Melissa Destino.

Per chi volesse approfondire, si riportano qui di seguito alcuni contributi pubblicati dalla nostra rivista, dedicari alla figura di Maria Trentadue, tra i quali una interessante  – “Conversazione con Tommaso Di Ciaula sulla pittura di Maria Trentadue – Una Ligabue a Modugno” – a firma del prof. Serafino Corriero. 

Grazie per l’attenzione.

[1982][novembre] Una Ligabue a Modugno [prof. Serafino Corriero]
[1985][maggio] Il senso di un sogno [dott. Agostino Di Ciaula]; a seguire  
[1985][maggio] Zi Marie mi diceva […]  [Lino Cavallo]
[1987][gennaio] A dieci anni dalla scomparsa [Tommaso Di Ciaula]

 

«L’archivio capitolare di Modugno»

VENERDÌ 22 APRILE 2022, ORE 17.30
Sulla pagina Facebook “UTE MODUGNO”
https://www.facebook.com/profile.php?id=100011358579045  

«L’archivio capitolare di Modugno»
Relatrice: dott.ssa Chiara Manchisi
(già funzionario della Soprintendenza Archivistica della Puglia)

L’archivio capitolare della maggior Chiesa di Modugno, in cui è conservata una documentazione che va dal XV al XX secolo, è fra i più ricchi archivi storici delle chiese della provincia di Bari e della Puglia. Negli ultimi anni, l’archivio è stato ordinato e tutti i suoi documenti sono stati catalogati secondo le categorie archivistiche, rendendo possibile la loro consultazione agli studiosi, molti dei quali giungono da fuori Modugno. A sovrintendere a tutti i lavori di catalogazione e di sistemazione della copiosa documentazione storica è stata la dott.ssa Chiara Manchisi, che è autrice dei tre pregevoli volumi, dal titolo “L’archivio capitolare della Chiesa Maria Santissima Annunziata di Modugno”. La dott.ssa Manchisi, autrice di diverse pubblicazioni, ha curato importanti mostre documentarie in diverse città della Puglia. Da alcuni anni collabora con la rivista “Nuovi Orientamenti” contribuendo con i suoi interventi ad illuminare aspetti e tematiche della storia di Modugno.

«L’AGGLOMERATO INDUSTRIALE BARI-MODUGNO, MOTORE TRAINANTE DELLA CITTA’ METROPOLITANA”

VENERDI’ 8 APRILE, ORE 17,30

AUDITORIUM DEL “TOMMASO FIORE” PER “GLI INCONTRI DEL MILENNIO”UNA FONDAMENTALE RIFLESSIONE PER LA CITTA’ DI MODUGNO «L’AGGLOMERATO INDUSTRIALE BARI-MODUGNO, MOTORE TRAINANTE DELLA CITTA’ METROPOLITANA”

RELATORE. PROF. FEDERICO PIRRO (UNIVERSITA’ DI BARI)

Qui di seguito la locandina

Il conte Rocco Stella, “Napolitano di Modugno”»

Rocco Stella (Modugno, 24 febbraio 1662 – Mödling-Vienna, 15 settembre 1720) fu definito dai suoi contemporanei “il più potente ministro d’Europa”. In effetti, egli divenne il consigliere e il ministro più fidato dell’imperatore Carlo VI d’Asburgo, e la sua centralità all’interno della corte imperiale viennese fu tale che “i prìncipi stranieri si rivolgevano a lui per agevolare negoziazioni e perorare richieste presso l’imperatore”.

Rocco Stella, la cui fulminea carriera è stata celebrata da numerosi letterati e storici, andò via da Modugno a 18 anni, arruolandosi come semplice soldato in una delle tante compagnie italiane che allora erano al servizio dell’Impero d’Austria. Da sottolineare, secondo alcune ricostruzioni, il motivo della fuga da Modugno da parte del giovanissimo Rocco: “[…] per evitare i rigori della legge, non si conosce per quali reati” o perché allontanato dai suoi fratelli in quanto si era dato “a molti vizi”.

Ricordare Rocco Stella in uno degli “Incontri del Millennio” ci sembra doveroso e, in parte, una sorta di atto riparatore, poiché in occasione della ricorrenza dei trecento anni della sua morte, l’Amministrazione Comunale di Modugno, allora in carica, lo ignorò del tutto, nonostante egli sia stato il Modugnese più illustre e più famoso della storia della città.

A parlarci di Rocco Stella sarà Gaetano Pellecchia, giovane ricercatore, impegnato sin dagli studi universitari in ricerche d’archivio sull’illustre conte modugnese.

Ultimo numero

Si riporta la copertina, con il sommario, dell’ultimo numero della Rivista riferito al mese di aprile 2022, n. 178.

Buona lettura

Le fiere a Modugno in età moderna

VENERDI 18 MARZO, ORE 17,30
Presso l’auditorium del “Tommaso Fiore”
continuiamo per “Gli incontri del Millennio” ad approfondire la storia di Modugno. Questa volta l’argomento è particolarmente importante, poiché lo sviluppo della città in età moderna deve molto alle fiere, che si svolgevano ben prima della fiera del Crocifisso, che ancora oggi continua a svolgersi.
Ne parleremo con Michele Ventrella, che al tema ha dedicato un particolare impegno di ricerca.
Qui di seguito la locandina

Palese: la marina di Modugno

Riprendiamo gli incontri in presenza secondo la normativa anti COVID-19.
VENERDI 4 MARZO 2022, ore 17,30
Auditorium dell’istituto “T. FIORE”
Palese: la marina di Modugno
Quinto degli incontri del Millennio.

Incontri 11 e 18 febbraio 2022: Rinvio

GLI INCONTRI DEL MILLENNIO

In previsione del ridimensionamento della pandemia in atto, abbiamo deciso di spostare l’incontro con la dott.ssa Depalo e col prof. Pellecchia, previsiti rispettivamente l’11 e il 18 febbraio a date che saranno poi comunicate.
Speriamo, infatti, che i due relatori possano tenere la loro conferenza in presenza.

Pietro Ravanas, protagonista dell’innovazione dell’olivicoltura in Terra di Bari

VENERDI’ 4 FEBBRAIO 2022, ORE 17.30

Prof.ssa Annastella Carrino
Università degli studi di Bari
Pietro Ravanas, protagonista dell’innovazione dell’olivicoltura in Terra di Bari

In diverse città  della provincia di Bari, Modugno compresa, vi sono strade intitolate a Pietro Ravanas (1796-1870), che, per  un nome del tutto anonimo per la maggior parte degli abitanti. Eppure, la Terra di Bari deve proprio a Ravanas una serie di innovazioni, che interessarono sia la coltura dell’ulivo, sia la raccolta e la molitura delle olive, grazie alle quali l’olio ottenuto nei nostri frantoi divenne di elevata qualità assai richiesto nei mercati d’Europa, e non solo. Si tratta di una interessante pagina di storia, alla quale partecipò  attivamente la città di Modugno, che ospitò il più  grande dei frantoi allestiti dal Ravanas in Puglia. Per approfondire questa nostra pagina di storia, abbiamo la possibilità di ascoltare la prof.ssa Annastella Carrino, che   la più  autorevole studiosa di Pietro Ravanas e dell’importante azione da lui svolta in Terra di Bari e nel Regno delle Due Sicilie.

Società e clero a Modugno nelle visite pastorali

Dopo la pausa natalizia ritornano i nostri “INCONTRI DEL MILLENNIO” Il terzo degli “Incontri del Millennio” entra nel vivo della storia di Modugno: sarà presentato, infatti, un inedito affresco della società e del clero modugnese in età moderna. Qui di seguito la locandina con tutte le indicazioni.

Relatore: don Nicola Colatorti [Parroco Chiesa Matrice di Modugno]

Page 1 of 2

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén